Make your own free website on Tripod.com

 

 

 

VACANZE 2002

 

VASTO (CH)

CENNI STORICI

Antico centro frentano, una volta denominato Histonium, fu fortificato dai Romani e poi distrutto da Silla. Nel medioevo fu prima dei Longobardi e poi dei Franchi, che lo rasero al suolo nell'802. Venne ricostruito da colui che l'aveva distrutto: il gastaldo Aymone di Dordona; ed ebbe nome, per lo stesso motivo, Guasto d'Aymone (Wast in gastaldico), successivamente mutato in Vasto.
Nel secolo XI divenne feudo aleramico (aleramici=discendenti di Aleramo, progenitore dei marchesi di Monferrato) di Tete o Teottone, figlio di Aleramo.
In seguito, dopo il periodo Angioino, Vasto fu soggetta, agli iberici D'Avalos che ebbero il titolo di Marchesi Del Vasto e che innalzarono lo splendido Palazzo D'Avalos, purtroppo umiliato dalle manipolazioni dei discendenti.

 

VASTO....CITTA' SPECIALE....

Vasto e’ una deliziosa cittadina su un promontorio a sud dell’ Abruzzo a 141 metri sul livello del mare. La sua forza, oltre all’arte, e’ il paesaggio che offre: il netto contrasto tra il solare golfo vastese e i monti taciturni rendono il paesaggio semplicemente grandioso. Il mare blu offre nei giorni sereni una vista delle isole Tremiti e un rilassante "suono" delle onde. La citta’ anticamente era sotto il possesso di una famiglia spagnola, i D’Avalos; attualmente il loro palazzo, visitabile, offre numerosi ritrovati archeologici e un giardino incantevole che si affaccia sul mare. All’inizio la citta’ e’ stata chiamata Histonium poi, dopo essere passata sotto il possesso di Aymone di Dordona, e’ stata chiamata Guasto. Da Guasto il nome diventa Vasto e viene conservato tuttora. La citta’ nell’antichita’ ha avuto varie porte d’accesso; la Porta Nuova permette l’ingresso nella Vasto romana. Non molto lontano, sopra i resti dell’Anfiteatro romano, sorge piazza Rossetti; la piazza mette in mostra il perimetro dell’Anfiteatro e al centro possiamo trovare la statua dedicata appunto a Gabriele Rossetti. Da questo punto e’ molto facile muoversi nel centro storico, anche perche’ e’ tutto nelle vicinanze: il Castello Caldoresco di epoca romana, la chiesa di San Giuseppe, la Torre di Bassano (la cui parte inferiore e’ quattrocentesca), il corso De Parma e il corso Nuova Italia. Dietro il Palazzo D’Avalos e’ possibile accedere alla passeggiata della Loggia Amblingh, che offre viste "sempre nuove". Dopo la rilassante passeggiata possiamo recarci nella chiesa di Santa Maria Maggiore, restaurata nel XVIII secolo, ma fondata nell’XI, dove possiamo ammirare i resti del portico (XIII secolo), la lastra tombale (XII secolo) e, all’esterno, la torre campanaria. A pochi passi, tornando su corso De Parma ed entrando in via Bebbia, si puo’ ammirare la chiesa di Santa Maria del Carmine, decorata da dipinti, stucchi e da un portale in pietra risalente al 1760. Corso De Parma, inoltre, puo’ condurci davanti alla Cattedrale di San Giuseppe dalla facciata in pietra arricchita da un rosone accuratamente decorato e da un portale leggermente ogivale. Nelle vicinanze la chiesa di San Pietro offre, oltre al portale in pietra calcarea, un singolare bassorilievo della Deposizione di Gesu’ con una corona regale al posto di quella di spine. Altre chiese da visitare sono: la chiesa di Sant’ Antonio, la chiesa di Santa Filomena e dell’ Annunziata e la chiesa di San Michele Arcangelo (patrono della citta’) sorta dopo un epidemia di peste, che ha lasciato i vastesi immuni. La periferia ha le chiese di Sant’Antonio Abate, San Lorenzo e la Maddalena, tutte pienamente degne di essere visitate. La natura e’ nostra compagna nel tragitto verso il mare; entrati a Vasto Marina noteremo Villa D’Annunzio, Villa Carini e Villa Monteferrante - Spadaccini, costruzioni in stile liberty. A sera una luce lontana ci sorprende. Niente di preoccupante! E’ solamente il faro del Porto di Punta Penna. Ai piedi del faro, situato su un promontorio, sorge la chiesa di Sant’Elena, immersa in una strana fusione tra storia, natura ed armonia. Volete sapere altro su Vasto? Venite a visitarla! Cosa ha Vasto di cosi’ speciale? Spetta a voi scoprirlo!

 

 

 


BREVE VISITA A VASTO

 

 

 


 

HOMEPAGE