Make your own free website on Tripod.com

MARTINA

pagina 1


 

Martina è una ragazza di diciotto anni, abruzzese e con tanta voglia di fare. L'autocritica è il suo miglior pregio(diventerà una persona speciale) anche se a lei può sembrare un difetto ma nell'autoanalisi non deve dimenticare di concedersi qualche imperfezione. L 'equilibrio totale è utopia e non è valore di questo mondo. Mi pregio pubblicare qualche sua astrazione, la sua intelligenza è "esplosiva" e se incanalata verso la giusta strada potrà raggiungere vette altissime.

 

 

A FRANCESCO

Trento, 03.07.02

Sei il mio chiodo fisso. La mente vaga tra mille pensieri, non riesco a respirare, mi sento oppressa! Qualcosa mi soffoca ma....cosa? La vita, il futuro, le cose che mi circondano! Chi sono? Dove sto andando? Cosa farò? No, non voglio pensarci ora, è presto, non ho il coraggio, mi sento piccola! La mente vaga fra i pensieri, vaga, vaga....e si ferma involontariamente sul tuo viso, sui tuoi occhi. I ricordi continuano ad assediarmi e sbaragliano le mie deboli difese, lasciandomi in balia del dolore. Sei il mio chiodo fisso!

 


 

VOGLIO AVERE CORAGGIO

Chieti, 18.04.02

Come si fa ad avere coraggio? E' una cosa che si compra? Nasce con noi o si acquisisce vivendo? Ce l'hanno tutti o c'è qualche sfigato come me che pensa di non averlo? Se invece ognuno si deve conquistare la sua parte di coraggio vorrei sapere quanto ci vuole e come si fa.  Non posso continuare ad aver timore di tutto. Non farò mai niente se non riesco a superare la paura che ho di mettermi in gioco, di sbagliare. Io penso si debba osare, puntare in alto, realizzare i propri sogni e superare le difficoltà perchè nella vita non ti puoi fermare a dire "no, non me la sento, questo lo evito, mi piace ma non ho il coraggio, non ci riesco!" Basta, anche se va male almeno ci ho provato e poi non avrò rimpianti! VOGLIO AVERE CORAGGIO.....


Trento dall'alto...Martina...lo sguardo assorto.... velato da un dolce sorriso

 

A DONATELLA......scritta sul treno del ritorno.....06.07.02

Saggezza sgorga dal tuo sguardo,
una calma insolita ti pervade.
Tanto dolore hanno visto
i tuoi occhi...
Ma ora basta!
La nostra felicità sarà la tua,
la tua la nostra.

 

Mamma, io, Donatella e papà (Natale 2001) CHIETI


STAGIONI DELLA VITA

Siamo delle foglie autunnali,
ogni soffio di vento
ci porta via un po' di vita.
Prima o poi arriverà
il freddo e gelerà
pian piano le nostre membra,
ma il ricordo delle
calde giornate d'estate
allevia il dolore
delle nostre tristi ore.


CONCERTO

I primi raggi di sole, che in giorni freddi come questi sono così preziosi,
illuminano la vallata. alcuni di essi mi baciano il viso, lasciandomi sul
viso la sensazione di una calda carezza. Tutto intorno sembra coperto di un
candido velo che sbiadisce i contorni, rendendo l'atmosfera più dolce e
ovattata. Assaporando in solitudine la bellezza di questo paesaggio mi
lascio cullare dai miei sogni e per un attimo abbandono ciò che mi circonda
vagando nell'infinito.
Il sole ormai sorto definisce le forme e lascia svanire la magia di un
momento. allora ritorno nel modo reale, un po' triste perchè tutto è finito
in fretta, troppo in fretta. Ma il mio cuore aspetta ansioso che venga
domani per poter di nuovo viaggiare nel labirinto dei sogni.


I SOGNI 01/08/2002


Sognare è meraviglioso, nei sogni sembra di volare tra soffici nuvole e
stelle brillanti, il vento ti scompiglia i capelli e il sorriso del sole ti
avvolge e ti scalda il cuore. Niente lacrime, niente tristezza, dolcezza e
serenità riempiono ogni piccola parte del tuo corpo... ma è solo un'illusione!
Una perfida illusione, perchè più i sogni sono belli è ti fanno volare in
alto, più senti dolore quando ricadi nella realtà.

 


   e-mail (Martina)